Musica + Concordanze 2019

Settore in cui opera l'ente
Volontariato, filantropia e beneficenza
Città in cui opera l'ente
Bologna
Tipologia ente

Associazione di promozione sociale

Social

IL PROGETTO

Musica+: una stagione innovativa e imprevedibile, che ha portato la sperimentazione e idee nuove anche nei luoghi del disagio... - 6 concerti nella stagione “principale” in collaborazione con e presso il Goethe Zentrum Bologna - 3 concerti nella stagione “Idee di Classica” in collaborazione con e presso la nuova sede di Idee di Gomma a Correggio (RE) - 10 repliche nelle carceri e istituti psichatrici (Carceri di Bologna, Ferrara, Ravenna, Coop. Generazioni, Casa Mantovani, RTI Arcipelago, REMS Bologna) - 30 incontri del laboratorio di musica per i pazienti della REMS Bologna - progetto speciale “L’incrinatura nel vetro” in collaborazione con Arte e Salute ONLUS e La Baracca - Teatro Testoni - progetto speciale “Il cammino dei misteri” in collaborazione con Museo di San Colombano – Collezione Tagliavini Il progetto si è potuto fregiare di ben tre prime assolute straordinarie: - le trascrizioni/rielaborazioni dei Lieder dal “Wunderhorn” di Mahler, con cui abbiamo concluso la nostra integrale delle trascrizioni di questo corpus liederistico - “Un capodanno Mitteleuropeo”, il nostro concerto di festa fatto di trascrizioni originali di musiche a metà strada fra la musica popolare e colta che è stato portato a ben 5 strutture di detenzione e cura nel corso di una spericolata tournée - “L’incrinatura nel vetro”, prima assoluta di un reading con musiche originali composte assieme al grande Massimo Pupillo sul testo di "Lenz" di Georg Büchner recitato dagli attori affetti da disagio psichico di "Arte e Salute Ragazzi"

"Una stagione di concerti che vuole combattere gli stigma: quello di cui soffrono le persone affette da disagio psichico e marchiate dalla detenzione, ma anche quello di cui soffre la musica popolare, considerata "inferiore", o quello che impedisce alla musica "classica" di unirsi con le tendenze della contemporaneità non colta. Ma in fondo anche lo stigma che dà dei musicisti un'idea in cui noi di Concordanze non riconosciamo..."

- Mattia Cipolli, Michela Ciavatti

L'IMPATTO DEL PROGETTO

Il progetto ha avuto un forte impatto sul pubblico dei nostri concerti pubblici, che ha potuto sperimentare novità e lasciarsi stimolare dalle numerose prime esecuzioni, da quella a suo modo storica che ha chiuso il ciclo completo delle nostre trascrizioni del "Wunderhorn", passando per un nuovo approccio alla musica popolare del nostro Concerto di Capodanno, fino alla grande unione di due realtà come Concordanze e Arte e Salute con il mondo della musica elettronica e sperimentale di Massimo Pupillo. La lotta allo stigma e l'inclusione sociale continuano ad essere due obbiettivi la cui realizzazione tramite i nostri concerti nei luoghi di cura e detenzione ha un forte impatto sulla nostra società.

TESTIMONIANZE DEI BENEFICIARI